Calcio Udinese
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Perez: “Mi dispiace non essere andato al Mondiale”

Nehuen Perez, durante il suo intervento a Udinese Tonight, ha parlato anche della sua Argentina

“Mi dispiace non essere andato al Mondiale, ma sono ancora giovane e sono pronto a lavorare al massimo per esserci nel 2026”. Cosi Nehuen Perez ha risposto alla domanda sulla sua mancata convocazione in questa Coppa del Mondo. Il difensore bianconero ha raccontato anche dell’enorme emozione che ha provato nel giocare con Messi.

Le sue parole.

SUL MONDIALE IN QATAR. “Il Mondiale lo vivo come tutti gli argentini, con grande passione ed entusiasmo. Mi dispiace non essere andato al Mondiale, ma sono ancora giovane e sono pronto a lavorare al massimo per esserci nel 2026. Mi manca l’esperienza è questo è un fattore che mi penalizza. Devo osservare i miei compagni in Nazionale e cercare di imparare durante gli allenamenti. In Italia sono cresciuto molto dal punto di vista tattico, in Spagna si lavora meno sotto questo punto di vista mentre qua ci si focalizza in ogni seduta di allenamento ed è importante per un difensore. Mi sento spesso con Molina e gli altri ex compagni argentini. Abbiamo un gruppo Whatsapp in cui c’è anche il Tucu. Nahuel se lo merita, prima di essere un gran giocatore è una gran persona”.

SU MESSI. “La Nazionale è il sogno di ogni bambino. Per noi argentini è il desiderio più grande che si possa avere. Quando sono stato convocato ho esaudito il mio sogno e quello della mia famiglia. Messi per tutti gli argentini è un vero idolo. Quelli della mia generazione sono cresciuti con lui e vorremmo che continuasse con l’albiceleste anche dopo il Mondiale. Non solo per la Seleccion ma per il calcio in generale. È una vera leggenda”.

IL CALCIATORE A CUI SI ISPIRA. “Per me il difensore più forte della storia è Sergio Ramos, un vero leader. È un calciatore completo: aggressivo, gioca bene con la palla e segna molto”.

LA SUA VITA PRIVATA. “La mia ragazza è davvero molto importante per me. Lei è sempre al mio fianco, nel bene e nel male. Sono fortunato ad avere una persona come lei. Un’altra persona importantissima per me è la mamma. Quando le cose non vanno bene lei è quella che soffre più di tutti, mi sta vicino e si merita tutto il bene del mondo. Quando parlo dei miei genitori mi emoziono perché, anche quando le cose non giravano per il verso giusto, loro non mi hanno mai fatto mancare nulla. Non vedo mia madre da sei mesi e mi manca molto, per fortuna il 29 viene a trovarmi a Udine. Mi piace stare molto con la mia famiglia”.

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Saranno oltre mille i tifosi dell'Empoli che giungeranno a Udine per sostenere Nicola e i...
Squadra in campo al pomeriggio per continuare la preparazione al match di domenica pomeriggio contro...
Dalla prossima estate il centravanti cileno classe 2005, grande prospetto, vestirà proprio la maglia dell'Udinese...

Altre notizie

Calcio Udinese