Calcio Udinese
Sito appartenente al Network

Sottil: “C’è molto entusiasmo, vogliamo essere ancora protagonisti”

sottil

Il tecnico bianconero Andrea Sottil ha parlato in conferenza stampa alla vigilia del match contro l’Inter

Andrea Sottil richiama tutti a rimanere concentrati e a dare il massimo domani. Così il tecnico bianconero ha presentato la partita di domani contro l’Inter di Simone Inzaghi. Sottil, durante la conferenza stampa, ha parlato sia della sua squadra ma anche dei nerazzurri e della loro partenza in campionato.

Le sue parole.

SUL GRANDE MOMENTO DEI BIANCONERI. “Questo momento lo stiamo vivendo molto bene. C’è entusiasmo e voglia di continuare ad essere ancora protagonisti. Le mie sensazioni su questa squadra sono sempre state ottime perché è composta da calciatori di grande fisicità, tecnica e voglia di migliorare ogni giorno. Queste sensazioni si sono trasformate in realtà. I ragazzi sono cresciuti partita dopo partita e hanno dimostrato di essere in grado di fronteggiare le sfide che incontrano. In queste settimane la rosa si è rafforzata molto non solo dal punto di vista fisico ma anche per quanto riguarda la simbiosi fra tutti i singoli. Sono soddisfatto ma adesso bisogna continuare, archiviando le partite scorse. Solo il presente conta e il nostro si chiama Inter”.

SULLA VITTORIA DI DOMENICA SCORSA CONTRO IL SASSUOLO. “Ogni partita ha una storia a sé. Non è un luogo comune. La sfida contro il Sassuolo è stato un nostro monologo. Non è facile scardinare una squadra che difende con tutti i giocatori in area ma i ragazzi sono stati pazienti e molto bravi ad essere più veloci e trovare cross e tiri da fuori. Il nostro dogma è quello di giocare un calcio verticale. Dobbiamo fare un possesso palla efficace che vede portare al goal, non sterile. L a squadra domani deve essere veloce sulle preventive già dal primo minuto”.

L’ENTUSIASMO IN CASA UDINESE. “Questo entusiasmo va gestito pensando a una partita alla volta. A me non interessa la classifica. Sappiamo in che posizione siamo ma ci deve interessare quello che c’è da fare, non ciò che è stato fatto. L’entusiasmo che ti portano le vittorie ti fa lavorare con serenità. Per fortuna alleno una squadra composta da persone intelligenti, mature e con ottime qualità psichico-fisiche. Pensiamo solo all’Inter. Le parole chiave sono: sacrificio, fame e cattiveria agonistica. L’avversario è molto forte e questo aggiungerà ulteriore grinta al gruppo”.

LA SITUAZIONE DELL’INTER. “Non voglio neanche sentire che l’Inter è in crisi. Hanno probabilmente la rosa migliore del nostro campionato. Siamo consapevoli che domani arriverà alla Dacia Arena una squadra che ha molta voglia di vincere. Li rispettiamo ma vogliamo giocarcela con i nostri mezzi, senza starli a guardare. Domani per noi sarà un test difficile ma molto stimolante”.

L’INFERMERIA SI STA SVUOTANDO. “Bijol sta bene, è tornato ad allenarsi con il gruppo a metà settimana. L’ho visto sereno e a completa disposizione. Anche Makengo ha risolto il suo affaticamento, anche lui l’ho visto con la testa libera e pieno di forza. Beto è assolutamente recuperato a livello fisico. In settimana ha lavorato molto intensamente”.

SU DEULOFEU. “Gerard si sacrifica molto per la squadra e fa un grandissimo lavoro Sia in allenamento che in partita corre a 300km/h. È sereno, ma è chiaro che l’attaccante vive di gol, e dentro di lui c’è la voglia di trovare la prima realizzazione in campionato. Ma sono sicuro che arriveranno i suoi gol perché è un giocatore che davanti fa la differenza e troverà sicuramente la giocata per segnare”.

SU SIMONE INZAGHI. “Passare in una realtà come l’Inter e imporre il proprio stile di gioco non è assolutamente facile. I momenti di flessione capitano a tutte le squadre. Per me sta facendo un grandissimo lavoro”.

LA SOSTA PER LE NAZIONALI. “Le soste a me non piacciono però bisogna farle e allo stesso tempo organizzare gli allenamenti. Interrompono un procedimento mentale che porta al ritmo partita. Molti giocatori andranno in Nazionale e per lo staff non è semplice organizzare quasi dieci giorni senza di loro. Anche se non mi piacciono le devo comunque accettare e dovremo essere bravi a organizzare allenamenti di alta intensità per quelli che rimarranno”.

LE MANCATE CONVOCAZIONI DI SILVESTRI E UDOGIE. “Rispetto assolutamente le decisioni del CT Mancini ma queste scelte mi sorprendono. Io penso che Udogie sia uno dei migliori terzini della Serie A, lo dimostra in campo, non lo dico io. Stessa cosa per Silvestri, credo sia uno dei migliori portieri che abbiamo in Italia. I ragazzi hanno accettato la decisione e lavoreranno ancora meglio in vista della prossima chiamata”.

L’ATMOSFERA DELLA DACIA ARENA DOMANI. “Mi aspetto un’atmosfera bellissima domani. Queste sono le partite che sogni fin da piccolo, sia da calciatore che da allenatore. Poi alla Dacia Arena, coi nostri tifosi, che sono sicuro ci spingeranno dal primo all’ultimo minuto. L’orario è l’unica pecca, ma dobbiamo accettarlo e i tifosi bianconeri nonostante la partita alle 12:30 riempiranno lo stadio e ci daranno la loro incredibile spinta”.

IL SENSO DI APPARTENENZA. “Quando tu alleni o giochi in un club devi innamorarti di questo. Si chiama senso di appartenenza: quando metti la maglia devi avere delle sensazioni importanti. L’Udinese ha una grande storia e stiamo attraversando un momento importantissimo. Il fatto di sentirsi parte del progetto da in ognuno di noi un’interiore spinta per fare ancora meglio”.

Subscribe
Notificami
guest

1 Comment
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Forza udin vinceremo forza mister sottil firza la squadra i primi bianconeri d italia viva il friul

Articoli correlati

Il report dell'allenamento odierno dei bianconeri ...
L'ex difensore del Cagliari è intervenuto ai microfoni del Messaggero Veneto per commentare il pari...
Mister Gabriele Cioffi li valuterà dopo la rifinitura di venerdì: al loro posto si candidano...

Dal Network

E’ calato il sipario sulla sessione invernale di calciomercato. Dopo le 20:00 di ieri, 1...

Zvonimir Boban, ex “Head of Football” presso l’UEFA, ha annunciato le sue dimissioni irrevocabili dall’organizzazione,...

Calcio Udinese