Calcio Udinese
Sito appartenente al Network

Rampanti: “Sottil è un lottatore, non molla mai”

Rosario Rampanti, primo di Andrea Sottil, ha parlato del tecnico bianconero in un’intervista a Tuttosport

Parole al miele per Andrea Sottil da parte di Rosario Rampanti, primo allenatore del tecnico bianconero, durante la sua intervista a Tuttosport.

Le sue parole.

CHI ERA ANDREA SOTTIL AGLI INIZI DEGLI ANNI 90. “Ai tempo faceva coppia fissa con il suo grande amico Ivano Della Morte. Arrivato al mi diedero la seconda squadra degli allievi. Quei due erano i più bravi e mi continuavo a chiedere cosa ci facessero in quella squadra. Entrambi avevano un carattere particolare e non erano ancora perfettamente inquadrati in un vivaio che sfornava tantissimi talenti. In campo erano fenomenali. Andrea era un difensore attento, martellante e preciso. Non è un caso che dopo lo scudetto che vincemmo in Primavera insieme diventò un professionista: aveva la cattiveria giusta per farcela, per arrivare più in alto rispetto agli altri”.

UN TOP COME ALLENATORE. “Sinceramente non me lo aspettavo. Sono sempre contenti quando i miei ragazzi riescono a fare bene. Lo seguo da anni e non pensavo arrivasse a questi livelli. Sia lui, che Giuseppe Scurto che ho avuto nell’Italia under 18 e sta facendo grandi cose con la Primavera del Torino mi rendono orgogliosi”.

SOTTIL NON ERA GIÀ UN LEADER AI TEMPI. “In realtà non lo era ancora diventato perché aveva il vantaggio di giocare con quelli più vecchi. Gli anziani, quando abbiamo vinto con l’annata 1972, i compagni avevano una personalità più forte della sua. Lui però era un martello e in campo questo l’ha aiutato molto. Giocare come centrale difensivo gli è servito per avere una visione più ampia del calcio. Anche da allenatore ha portato le caratteristiche che aveva da giocatore. Non è un caso che la prima cosa che ha fatto all’Udinese è stata quella di blindare la retroguardia, composta da giocatori molto fisici”.

LA GAVETTA. “Il suo percorso è stato lungo e pieno di curve, si è dovuto rimboccare le maniche. Fra Serie C e Serie B si è sporcato le mani. L’Udinese è molto bella da vedere, si vede la mano di Sottil. È un lottatore pragmatico che non molla mai”.

 

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

L'ex calciatore è intervenuto ai microfoni di 1 station radio ...
Sarà l'ottavo assetto tattico difensivo diverso per i friulani in diciotto gare stagionali: non il...
Il centravanti ha siglato complessivamente 7 reti nella stagione del debutto in Serie A, ma...

Dal Network

E’ calato il sipario sulla sessione invernale di calciomercato. Dopo le 20:00 di ieri, 1...

Zvonimir Boban, ex “Head of Football” presso l’UEFA, ha annunciato le sue dimissioni irrevocabili dall’organizzazione,...

Calcio Udinese