Calcio Udinese
Sito appartenente al Network

Walace: “Cioffi è un allenatore elettrico, sta portando molto entusiasmo”

Le parole del centrocampista bianconero Walace ai microfoni di Radio Serie A 

Questo pomeriggio, il giocatore dell’Udinese Walace è intervenuto ai microfoni di Radio Serie A. Tanti i temi toccati dal calciatore brasiliano, tra questi anche la vittoria di San Siro e il ritorno in panchina di Gabriele Cioffi.

Le sue parole. 

SULLA VITTORIA CON IL MILAN. “La vittoria di San Siro ha portato entusiasmo. Abbiamo conquistato tre punti in un campo molto difficile contro una squadra che gioca la Champions League. Però adesso dobbiamo pensare al futuro e alla partita contro l’Atalanta”.

SUL MATCH DI DOMENICA. “Domani contro l’Atalanta sarà una gara difficile contro una squadra che gioca uomo contro uomo. Dovremo essere aggressivi e cattivi per trovare un modo per fargli male”.

SU CIOFFI. Cioffi è un allenatore elettrico, si allena pure con noi. Il calcio è fatto di risultati e quando vengono il primo a saltare è il tecnico. Gabriele sta portando tanto entusiasmo ai ragazzi”.

SU SAMARDZIC E BRENNER. “Questa società prende calciatore per il futuro che possono diventare campioni. Samardzic è uno di questi che andrà a vincere scudetti. Io ho la fortuna di vederlo ogni allenamento e quello che fa è devastante. Non gli manca niente per fare il salto di qualità, solo il contatto fisico ma credo che arriverà con il passare del tempo. Lazar è già pronto per un grande club. Mi dispiace per quanto successo questa estate ma qui ha la possibilità di giocare sempre e ha un ruolo fondamentale. Brenner lo sto aiutando, parlo tanto con lui. È arrivato dagli Stati Uniti, lì giocano un altro calcio rispetto all’Italia, dove si corre tanto. All’inizio era un po’ spaventato, ma ora ha capito come funziona qui. Purtroppo è successo quel che è successo ma è un calciatore di qualità e quando tornerà ci darà una grande mano”.

IL SUO RUOLO NELLO SPOGLIATOIO. “Sono in Friuli da cinque anni e devo prendermi la responsabilità di aiutare i più giovani in campo. L’allenatore quando fa la riunione parla sia in inglese che in italiano, mentre in spogliatoio parliamo tutte le lingue, ma alla fine ci capiamo tutti. A livello personale ho tante ambizioni, voglio giocare una competizione europea e mi piacerebbe anche giocare in un altro campionato, ma ora devo rimanere concentrato sull’Udinese”.

SUL BRASILE. “Mi manca il Brasile, la mia famiglia è lì però ogni volta che abbiamo l’occasione ci RIvediamo. Il destino mi ha portato qui. Sono arrivato in Italia dalla Germania e qui il cibo è delizioso. Appena arrivato sono ingrassato di due chili a forza di mangiare la pasta, ora devo stare attento a non ricascarci”.

 

 

 

 

Subscribe
Notificami
guest

3 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 mesi fa

Copiti coion.
Tu devi correre e giocare perché ti pagano per farlo.
Anche se ti alleno io. Brut macaco

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 mesi fa

Scusa ma tu e i tuoi compagni siete una squadra se le cose non andavano bene potevate parlarne questo avreste dovuto fare poi è dico molto poi avreste dovuto sganciare sottil parlare oggi in quel modo non è molto bello nei suoi confronti

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 mesi fa

Eh sottil invece era una mummia…🤣🤣🤣

Articoli correlati

Di seguito scopriamo tutto il sestetto arbitrale della sfida di sabato sera alle ore 20:45...
Arriva la terza parte dell'intervista del difensore dell'Udinese: "Il cibo friulano? Mi piace il prosciutto...
Analisi delle difficoltà di Isaac Success nel sistema tattico dell'Udinese e le implicazioni sul gioco...

Dal Network

E’ calato il sipario sulla sessione invernale di calciomercato. Dopo le 20:00 di ieri, 1...

Zvonimir Boban, ex “Head of Football” presso l’UEFA, ha annunciato le sue dimissioni irrevocabili dall’organizzazione,...

Calcio Udinese