Resta in contatto

L'angolo dell'avversario

Mourinho: “Siamo mancati di intensità”

Ecco le parole del tecnico giallorosso Josè Mourinho dopo Udinese-Roma

Ecco le dichiarazioni di Josè Mourinho nel post gara di Udinese-Roma. Il tecnico giallorosso ha commentato la sfida contro l’Udinese ai microfoni di Dazn:

Zaniolo?

L’ho visto molto bene. Avevo detto ai giocatori che questa squadra fa prendere gialli. Devono essere molto controllari per resistere. Destabilizzano. Emozionalmente è stata bene. Dopo l’Inter avevo paura, quindi penso che Nico non credo abbia giocato libero. Ha fatto bene per questo, non sono dispiaciuto”.

Quando è passato 3-4-3 Pellegrini era centrale lo ha convinto?

Mi ha convinto, ma avevo bisogno di creazione bassa. Avevo bisogno di un terzo attaccante, sentivo la mancanza lì davanti. Poi quando ho inserito Veretout e Carles ho rischiato tutto. Pareggiare 1-1 ci dà un punto e da 8 partite di fila senza sconfitta. Sono 4 e 4, non è male”.

L’Udinese arrivava sempre prima nelle seconde palle, anche il ritmo…

La palla era lenta, dava il tempo alla squadra di organizzarsi. Possesso palla senza aggressione, senza intensità. Squadra al massimo delle sue potenzialità contro la nostra che era un po’ in difficoltà. Non possiamo dire questa è importante o questa no, dobbiamo pensare alla prossima. Non è facile giovedì-domenica, con domenica fuori casa. Dobbiamo fare meglio, dobbiamo avere uno spirito diverso. Anche io sono stanco. Qualche giocatore era stanco già da prima”.

Come ha pensato di ribaltarla?

Ho pensato che sarebbe cambiata se avessimo giocato altri 3 minuti. Sapevo che era questo lo stile dell’Udinese. Non avevo sbagliato l’analisi. Siamo entrati nel gioco solo coi cambi, con energia. Ho visto da parte di qualche giocatore di entrare nel ritmo della partita. Anche parlando con mio assistente, mi diceva che non è facile per chi non ha mai fatto competizioni europee. Partita difficile, rimango con la sensazione che se facciamo un gol prima la partita cambia. Però sono 8 partite file in Serie A, 4 vittorie e 4 pareggi. 1 punto a Udine, 1a Sassuolo alla fine non è sconfitta”.

Il pressing alto Udinese?

Nella mia squadra c’erano 2-3 giocatori avevano un linguaggio del corpo sbagliato. Non avevano forza mentale. Poi Udinese lo fa in un modo fisico, si gioca pochissimo. 30 minuti di gioco reale, se fossimo arrivati fino a mezzanotte eravamo ancora qui. Sono forti nella gestione dei tempi di gioco”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da L'angolo dell'avversario