Calcio Udinese
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Un altro ingresso senza incidere: l’Udinese e il dilemma Success

Analisi delle difficoltà di Isaac Success nel sistema tattico dell'Udinese e le implicazioni sul gioco della squadra.

Isaac Success sta attraversando un momento di difficoltà all’Udinese. Una volta considerato una pietra miliare nell’organizzazione offensiva del Cioffi-bis, ora sembra essere diventato un enigma per gli l’allenatore che anche contro i sardi gli ha dato fiducia che non è stata adeguatamente ripagata.

La sua performance contro il Cagliari è stata un altro deludente capitolo nella sua stagione. Da elemento chiave del gioco, è scivolato nell’anonimato, con una presenza in campo quasi impercettibile. Sebbene non sia mai stato un goleador puro, la sua capacità di far salire la squadra e di fungere da collegamento tra centrocampo e attacco è mancata di recente. Anche la fiducia del tecnico toscano, sebbene salda, sembra vacillare di fronte alle prestazioni deludenti.

C’è da dire che Success ha dimostrato di essere un giocatore di carattere, come evidenziato dalla sua battaglia solitaria contro Thiaw e Tomori durante la partita contro il Milan a San Siro. Tuttavia, tali sfide sembrano essere diventate sempre più rare. L’allenatore Cioffi, anticipando la trasferta con l’Atalanta, ha sottolineato la delicatezza del motore psicologico di Success, il quale ha dovuto affrontare due infortuni che avrebbero demoralizzato molti altri giocatori.

Tuttavia, sembra che le difficoltà di Success vadano oltre l’aspetto fisico o psicologico. Il suo stile di gioco, incentrato sulla ricezione palla e sul dialogo centrale, sembra essere in contrasto con le esigenze tattiche dell’Udinese. Il nuovo approccio della squadra, caratterizzato da compattezza difensiva e ripartenze veloci sulle fasce, sembra non favorire le caratteristiche dell’attaccante.

In conclusione, il dilemma di Isaac Success all’Udinese è complesso e richiede un’analisi approfondita. Le sue difficoltà possono derivare da una combinazione di fattori, tra cui aspetti tattici, fisici e psicologici. Tuttavia, per il bene della squadra, è fondamentale trovare una soluzione che permetta a Success di esprimere al meglio il suo potenziale, contribuendo così al successo dell’Udinese in campo.

Subscribe
Notificami
guest

8 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

pipin8oooooooo?dove sei?

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Strano, ha sempre fatto un “fottio” di goal! Quale mai può essere il suo problema?!?!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Io che di calcio so poco capisco che Success è da campionato Carnico e Cioffi non lo capisce

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Giocatore che mentalmente sta soffrendo oltremodo la panchina..pensava di essere al centro del progetto ( se mai ne esiste uno) e si è ritrovato seduto in panchina…il giocatore è questo , probabilmente più un trequartista anomalo piuttosto che una seconda punta.molto fragile psicologicamente e la freddezza che ha sottoporta nel divorarsi goal più facili da fare che da sbagliare lo testimonia…. tuttavia quando sta bene fisicamente e mentalmente la sua partita la porta a casa… Gli manca tanto beto..

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Ma quale dilemma …ha giocato tanto e tanto ….e cosa

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Ormai non è più un dilemma. Il vero dilemma semmai è il perché Cioffi insista su di lui

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Un remake di quello accaduto con lasagna castagna 🤷‍♂️🤷‍♂️🤷‍♂️ cercare in tutti i modi di valorizzarlo, anche di fronte alla
Netta evidenza che non è giocatore da massima categoria !

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Success piano piano sta diventando l’anticalcio, e tra tutte le mille riunioni che fanno a fine partita, pare strano che qualcuno non abbia alzato la mano, e fatto notare che sarebbe meglio giocare in dieci che con lui in campo.. a me piaceva Cioffi ma ora spero lo mandino via

Articoli correlati

Votate nel nostro sondaggio la formazione che vorreste vedere in campo dal 1° minuto nella...
Si spera nel rilancio di Brenner. Il Verona è cambiato tantissimo a gennaio, ma il...
Le dichiarazioni del commissario tecnico degli "azzurrini" Bernardo Corradi...

Altre notizie

Calcio Udinese