Calcio Udinese
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Cannavaro: “Eliminare la paura. Possiamo giocarcela con tutti”

Il tecnico bianconero ha presentato la sfida contro il Napoli in conferenza stampa

All’antivigilia di Udinese-Napoli, l’allenatore dei friulani Fabio Cannavaro ha presentato in conferenza stampa la sfida del Bluenergy Stadium contro i partenopei.

Le sue parole. 

SUL MATCH CONTRO IL NAPOLI. “Dobbiamo essere bravi a continuare a mantenere le giuste distanze tra i reparti e avere un’attenzione superiore a quella della gara di Bologna, sia in fase di possesso che in quella di non possesso. Affrontiamo un’altra squadra che mantiene il controllo della partita, ma quando abbiamo palla noi dobbiamo far meglio perché abbiamo le qualità per far male ai nostri avversari. Il Napoli, nonostante sia sotto al Bologna in classifica, adesso che lo sto ristudiando ha individualità e collettivo con valori importanti. Sono forti, insieme all’Inter sono le squadre che giocano in modo diverso dal solito. Sono bravi in entrambe le fasi, i partenopei hanno ritrovato un’organizzazione nel pressing e chiudono bene il campo. Hanno rotazioni e sono bravi ad attaccare la profondità. Se sapremo soffrire come squadra contro il Napoli avremo la possibilità di colpirli. Loro hanno tanti pregi, ma come tutti anche i loro difetti”.

SU BRENNER E DAVIS. “Vanno gestiti, a volte ci sono partite nella partita che vanno lette e a cui va trovata soluzione. A Bologna ho visto uno spirito importante da parte di tutti, che mi ha fatto capire che possiamo giocarcela con qualunque squadra”.

BISOGNA FARE ATTENZIONE A NON COMMETTERE TROPPI FALLI. “La partita di Bologna non mi sembrava nervosa o cattiva, da qui alla fine del campionato dovremo essere più intelligenti. Abbiamo tanti diffidati, lunedì sera mancheranno due giocatori per squalifica e dispiace. Quando una stagione è negativa arriva anche questo, ma dobbiamo pensare positivo”.

ELIMINARE LA PAURA. “Dobbiamo eliminare la paura. Tante volte sulla carta parti sconfitto, ma senza timori puoi arrivare a giocarti tutte le gare. Abbiamo lavorato tantissimo per alzare l’asticella con e senza possesso palla. Preferisco giocatori che vanno a supporto del compagno e non pensano solo ad andare sulla seconda palla. Questo non vuol dire che dall’oggi al domani diventiamo il Barcellona, ma neanche che se un mio compagno ha la palla mi giro dall’altra parte. Il gioco che ha il Napoli ti porta a essere basso, sto cercando di far capire ai ragazzi come accorciare tempi e spazi agli avversari, portare su la difesa e usare gli attaccanti per spingere fuori gli esterni. Altrimenti scivolando troppo e ti porti gli avversari dal portiere. Possiamo pressare la metà campo avversaria senza paura, come fatto domenica scorsa contro il Bologna”.

VIETATO FARE CALCOLI. “Devo pensare al mio, se penso agli altri e il mio va male siamo punto e a capo. Dobbiamo guardare a casa nostra e fare i punti che ci mancano, altrimenti è difficile raggiungere l’obiettivo. Tutti sanno che sono napoletano e giocare contro il Napoli è un qualcosa di molto emozionante, però abbiamo un obiettivo importante come Udinese e le emozioni vengono lasciate da parte. Anche lo staff è composto da tanti napoletani e pensiamo solo a lavorare per il bene del gruppo”.

LE SQUALIFICHE DI PEREZ E PAYERO. “Bisogna fruttare le caratteristiche dei calciatori, ma il concetto di occupazione dello spazio non cambia. Dobbiamo essere più propositivi, a Bologna abbiamo sofferto certe situazioni perché perdevamo la palla subito. Il Napoli è forse la prima squadra per recuperi palla nella metà campo avversaria e per questo dovremo essere veloci di testa”. 

SUL PALO DI DAVIS…“Questo è il calcio, prima o poi gira. Dipende solo da noi giocare con convinzione, anche nei contrasti di testa. A i ragazzi saltavano tanto per farlo. La buona sorte te la devi chiamare da sola e dobbiamo essere consapevoli di questo. Un palo dentro o fuori può cambiare tanto, l’importante è aver creato occasioni su cose per cui avevamo lavorato durante la settimana”. 

L’ULTIMA GARA PRIMA DI TRE SCONTRI DIRETTI. “Preferisco un calendario così che dipendere dagli altri, abbiamo la possibilità di giocarcela per quattro gare. Lunedì sera ci saranno assenze importanti, ma l’obiettivo è comune a tutti. L’aspetto fisico pende dal piano del Napoli, ma su quello della motivazione non ci sono paragoni. L’agonismo incide tanto, soprattutto se incrociamo arbitri dal cartellino facile, ma anche questo dipende da noi. Da ciò che ho percepito a Bologna c’era un atteggiamento nei confronti dei miei giocatori che li ha spinti ad accelerare certe situazioni di gioco, non vorrei che stessimo pagando qualcosa del passato. Dobbiamo comunque essere bravi a gestire queste situazioni decisive”. 

 

Subscribe
Notificami
guest

1 Comment
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
11 giorni fa

Non c’è molta scelta: o stasera danno l’anima e attaccano da inizio a fine partita, o rischiamo di non avere una seconda chance.

Articoli correlati

Saranno oltre mille i tifosi dell'Empoli che giungeranno a Udine per sostenere Nicola e i...
Squadra in campo al pomeriggio per continuare la preparazione al match di domenica pomeriggio contro...
Dalla prossima estate il centravanti cileno classe 2005, grande prospetto, vestirà proprio la maglia dell'Udinese...

Altre notizie

Calcio Udinese